All Posts

Spese immorali

Se vivessi in Italia passerei il tempo a ridere. Nel senso che questo governo e’ come un gigantesco asteroide a forma di minchia che si staglia nel cielo: sai che morirai, ma non riesci a smettere di ridere. (cit.) Mi e’ capitato per caso di vedere un filmato ove Giggino di Maio racconta che “siccome il POS e’ tutto tracciabile”, allora non saranno consentite “spese immorali”. Questa cosa e’ divertente sul piano dell’ IT, perche’ in qualche modo Giggino sembra pensare che durante una transazione POS, l’intero scontrino (compresa la descrizione dei singoli acquisti) venga trasmesso a chi detiene il conto.

Transumanismo di qui e di la'

Vedo che in giro si fa un gran parlare di transumanismo, anche perche’ come tutte le associazioni che costruite in Italia, subito qualcuno si chiede se sia possibile usarle come ascensore sociale per fare politica, per cui ci si trova sempre con una pila di farlocchi. Intendo dire questo: se in Italia fate un’associazione, un club, una qualsiasi aggregazione, siccome c’e’ carenza di ascensori sociali (studio e lavoro non servono piu’) , succede che tanti arrampicatori si chiedono “questa associazione gestisce gente, dunque e’ politica.

Confindustria e la Lega

C’e’ stato, a quanto leggo, un certo “scandalo” perche’ il boss di Confindustria ha fatto quello che sembra un aperto endorsement per la Lega. E la cosa e’ risultata stupefacente per molti addetti ai lavori, ma in realta’ si potrebbe capire abbastanza bene il bisogno disperato dei confindustriali semplicemente osservando alcuni dati. Certo, occorre dire che Confindustria non rappresenta tutte le aziende italiane, e che non tutte vi si sono iscritte.

Ancora su Facebook.

Insisto ancora riguardo alla storiella raccontata da Facebook perche’ vedo che nessuno vuole occuparsi di un problema serio, ovvero della mancanza di standard nella rivelazione al pubblico di (avvenuti) problemi di sicurezza. Non importa che la cosa riguardi Facebook o la panzana secondo la quale PGP sarebbe stata vulnerabile ad un attacco che in realta’ riguardava il client di posta elettronica. Il problema e’ che in assenza di uno standard chiaro su come dare la notizia di un problema di sicurezza, ci sono due grosse spinte a dis-informare la popolazione.

Facebook: perche' i numeri non convincono

E’ stata rivelata, calda calda, la vicenda di un attacco di hackers verso Facebook e si e’ detto che sono stati rubati gli access tokens di 90 milioni di utenti. Dico 90 milioni perche’ la cifra e’ oscillata da 50 a 90, a seconda degli “accertamenti” che facebook starebbe conducendo. Il problema di questi numeri e’ che si fa fatica a crederci. Andiamo a vedere di che cosa stiamo parlando, e perche’: troviamo le dichiarazioni precise

Il Piano B degli altri

Uno dei difetti che rendono i fascisti inadatti alla guerra e’ la tendenza a pensare che il nemico non si evolva mai e continui a combattere sempre allo stesso modo. In questo modo, il fascista non si chiede mai in che modo si sia evoluta la dottrina di guerra dell’avversario. Si fa un gran parlare del “piano B ” di Savona, ma non ci si chiede , per esempio, se dopo i fatti greci la dottrina della UE si sia modificata.

L'opposizione dei boccaloni

Poche volte mi e’ capitato di vedere , in politica, una narrativa cosi’ palesemente stupida che viene accettata , viene accettata proprio da quelli che, parole loro, pretendono di avere gli strumenti critici per non credere alla propaganda. Che la base di sinistra si caratterizzi dalla velleita’ di possedere strumenti culturali superiori e’ noto. Che questo impeto velleitario venga sfruttato in maniera cosi’ evidente, meno. In questi giorni e’ stata data alle masse una narrativa, quella dell’ Eroico Soldato Tria che resiste ai malvagy spendacciony polentony e un po’ terrony .

Oggi giochiamo con Tigro e Corbyn

Uno dei piu’ grossi errori che le persone intelligenti fanno e’ credere che un ragionamento solido basato su evidenze concrete possa battere, nel dibattito politico, una discreta sceneggiata. In realta’ le cose non stanno cosi’, e tutto quello che succede al dibattito politico e’ che , dopo la sceneggiata, occorre fare i conti con la realta’. Un esempio classico e’ il Brexit “secondo Corbyn”. Forse in Italia si parla poco di lui, ma lo si potrebbe descrivere semplicemente cosi’: “immaginate che il dopo-Renzi sia gestito da Fausto Bertinotti”.

Änderungswind

Prima che la Mastrobuoni si metta a spacciare per “notizie” le cose che sente dire nei bar di Berlino (e’ bene ricordare che le persone che vanno a vivere a Berlino ci vanno perche’ in qualsiasi altro posto della Germania sarebbero costrette a lavorare) , ho deciso di scrivere un post sulla situazione politica tedesca, visto che effettivamente qualcosa si sta muovendo. No, non mi riferisco ai fenomeni da baraccone di AfD: Quelli esistono ancora soltanto grazie all’incompetenza di Seehofer nell’occupare la destra, e inizieranno a finire quando FDP e CSU avranno ricostruito i quadri.

Toh, (ri)ecco il Deep State

Mi e’ arrivata all’orecchio la bufala dell’audio che e’ finito “misteriosamente” ai giornali, nel quale Rocco Casalino minaccia “i tecnici del MEF” di passare tutto il 2019 a farli fuori se non “gli trovano dieci miliardi del cazzo”. Ora tralasciando la questione del linguaggio (i politici, quando registrati in privato, non sono quasi mai degli spettacoli edificanti), il problema e’ la completa mancanza di quella che definirei “educazione politica” in un comportamento simile.