Das Böse Büro

brexit

C'e' un motivo per il quale non credo nella storia dei social network che “finalmente” bloccano i cattivi. Esso proviene dal fatto che, vivendo in un'altra nazione, mi trovo a vedere lo stesso argomento da due punti di vista. E quando ti succede questo, succede che la stampa della nazione Italia possa costruire una narrativa diversa rispetto a quella della stampa della nazione B.

Questo significa che mi trovo di continuo a scegliere tra la narrativa di un paese e la narrativa di un altro paese. Inoltre, esistono VPN che ti consentono di girare per nazioni e vedere internet dal LORO punto di vista. E siccome conosco anche l'Inglese , posso anche girare molte altre nazioni, e vedere che narrativa hanno costruito loro.

Allora, se andiamo nei paesi anglofoni, nella stragrande maggioranza dei casi hanno scelto di rappresentare la narrativa dei social che “il troppo e' troppo” e scendono in campo e bloccano i cattivi. Yay!

Ma c'e' un problema. Il problema e' che se uso il mio IP reale e vado su Twitter con il mio account “tedesco”, trovo una fogna nazista.

Voi direte: ma come, twitter e' il social progressive che semmai esagera “al contrario”, e che banna sistematicamente e rigorosamente tutti quelli che sono anche solo un pochino a destra.

Sara' anche vero, ma #CoronaDiktatur , un trend fatto esclusivamente (o quasi) di bot dell' AfD, e' rimasto nella lista top per giorni. Twitter non ha fatto nulla per rimuoverlo. E il contenuto e' quello che io definisco “fogna nazista”. Ma la cosa interessante e' che Twitter e' multinarrativa.

Se io vado su Twitter usando un IP americano , ma usando il mio account in tedesco (significa che nella lingua ho scelto il tedesco), improvvisamente Twitter diventa di sinistra. Appena cambio IP e vado su uno tedesco, se rifaccio il login mi ritrovo in una fogna nazista.

Ho un paio di account civetta su Facebook, e mi succede piu' o meno la stessa cosa, soltanto che e' diluita nel tempo.

quello che noto e' che questi social network sono delle fogne naziste durante le campagne elettorali (di fatto la Germania e' in campagna elettorale) e non fanno molto a riguardo.

Quando pero' il nazista eletto cade, allora improvvisamente si propongono come salvatori della patria e ti bloccano questi e quelli. Interessante. Ma tardivo, inutile e funzionale ai loro interessi commerciali.

La sensazione netta che ho, girando con 3 account (uno in Italiano, uno in inglese e uno in tedesco) e una vpn (a volte anche tor browser) e' che i social si adattino alla narrativa locale.

Quando hai questa sensazione, pero', devi sempre fare un esercizio. E chiederti quale sia la causa e quale sia la conseguenza. E' la narrativa a fare i contenuti dei social oppure sono i social a fare la narrativa?

Il punto e' che AfD ha qualche punto piu' del 10% , ma non va oltre. Il partito-boom sono i verdi. SPD sta collassando nel vuoto pneumatico di idee tipico della sinistra europea, CDU/CSU e' piu' o meno stabile attorno al 30% , eccetera. Di quale narrativa stiamo parlando?

I social media in Germania sono piuttosto demonizzati, al punto che le stesse scuole , nel corso di medienerziehung (che parte dai 10 anni) le dipingono come fogne mendaci e pericolose.

Se anche esaminiamo i mass media, non vedo nulla che giustifichi quello che vedo su Twitter. La Bild e' sicuramente il quotidiano di AfD, e Spiegel e' un giornale per depressi dipendenti da adrenalina , che hanno bisogno di sentir gridare “katastrofe! katastrofe!” per avere la dose quotidiana, ma sebbene vendano molto hanno una diffusione marginale in una societa' che e' estremamente classista. Sono, cioe', segregati socialmente. E comunque Spiegel non e' certo un giornale per depressi nazisti: in generale non esiste veramente una stampa di destra , quindi nulla giustifica vedere Twitter ridotto ad una fogna nazista.

Lo stesso potrei dire del twitter inglese: ha lasciato cosi' tanto spazio ai bot sovranisti che alla fine molti non sono neppure stati spenti, anche adesso che la Brexit non e' piu' una scelta. Col risultato che se oggi andate su #brexit nella timeline ordinata per tempo, trovate tutti i bot che postano a raffica lo stesso messaggio centomila volte. Per essere “vigili” quelli di Twitter sembrano essere il firewall di Microsoft Vista.

Cosa voglio dire? Voglio dire che secondo me, fatti i dovuti pro e contro, vedere twitter che blocca un giornale e' molto piu' allarmante di quanto sollievo possa dare vedergli bloccare Trump.

Il potere di bloccare Trump alla fine del suo mandato presidenziale, sebbene riempia le pagine dei giornali, e' tardivo e inutile, e peraltro... non basato su fatti, ma su affermazioni politiche. Se pensate davvero che ci siano basi legali per dire che Trump ha commesso un crimine, potete leggere un simpatico canale divulgativo tenuto da un avvocato americano.(che pure non sembra avere Trump in simpatia).

Come potete vedere alla fine, l'Impeachment e' possibile perche' e' un atto politico, e non perche' richiede che sia commesso un crimine.

Ma il punto che io sollevo , e' che zittire Trump o chiudere Libero sono, invece, degli atti contrari alla costituzione italiana: l' Articolo 21 , infatti, vieta la censura. E trovo curioso che chi grida Costituzione, Costituzione poi alla fine vada a tollerare un atteggiamento che e' a dir poco eversivo.

Lo stesso vale per la Costituzione Tedesca, che dice la stessa cosa nell' articolo 5.

Di conseguenza, il comportamento di Twitter fa passare un messaggio eversivo: che Libero vi piaccia o meno, la sua censura da parte di Twitter e' un atto eversivo, cioe' contrario alla costituzione, che non ammette censura.

C'e' poi un'altra vulgata eversiva che si sta diffondendo, e cioe': “ma i social sono aziende private, nel loro spazio possono fare quel che vogliono”.

Sicuri? Strano, perche' una casa italiana e' uno spazio privato ancora piu' protetto di un'azienda, ma:

  1. non ci puoi ricostruire il disciolto partito fascista.
  2. non ci puoi organizzare o stampare apologia fascista.
  3. non puoi picchiarci tua moglie.
  4. non ci puoi tenere armi se non sei autorizzato
  5. non ci puoi tenere sostanze il cui stoccaggio sia disciplinato ... n. tante altre cose.

questa idea che in uno spazio privato aziendale si possano violare norme costizionali, cioe', e' tipicamente americano. In quasi tutti i paesi europei, per dire, questo e' un messaggio sicuramente anticostituzionale, se non eversivo.

Quindi, censurare un giornale per i suoi contenuti non-lo-puoi-fare. Il fatto che non esista una norma codificata a riguardo conta poco: poiche' in generale non esiste una norma, bisognerebbe vedere come verrebbe presa la cosa dai giudici. Perche' i giudici andrebbero a vedere perche' twitter abbia bloccato Libero.

E qui ancora una volta Twitter mi sembra troppo furbo per essere onesto: tra le ragioni non ha menzionato i contenuti, cosa che lo avrebbe esposto ad una chiara azione legale, ma “attivita' sospette”. Sospette di cosa? Il problema e' che la scusa e' ancora peggiore del crimine che dovrebbe coprire:

Chiudere un giornale (sgradito?) per non meglio specificate “attivita' sospette” e' la quintessenza del fascismo. Punto.

Perche' tutto questo passa inosservato? Perche' nelle nazioni che credono a questa narrativa i social hanno vinto, e sono gia' riusciti a trasformare il concetto di democrazia in una scatola vuota.

Sono tutti dei grandi guerrieri della democrazia, ma accusano Trump (o chiunque altro) di aver incitato alla violenza, senza che esista un solo processo che testimonia questa cosa. Quando si dice “aspetta che un processo lo condanni”, la risposta e' sempre che sei un “garantista”, ma in realta' stai semplicemente chiedendo che si realizzi uno stato di diritto costituzionale.

Ma essendo la parola “costituzione” , “stato di diritto”, “principio di innocenza”, ormai svuotata dai social, nei paesi ove censurare giornali passa ancora per “democrazia” , sono i paesi ove i social hanno ormai modificato la cultura al punto da far passare la censura e la cancellazione dei tribunali come “democrazia”.

se scrivete che i social fanno bene a censurare Trump, Trump ha vinto molto piu' di quanto pensate. Perche' sostenere il bisogno di censura e contestare le elezioni sono altrettanto eversivi contro la democrazia.

Paesi come Francia e Germania hanno avuto leader che trovano “problematica” la censura di Trump, non motivata da alcuna sentenza di alcun tribunale. In questi paesi evidentemente i social, e con loro Trump non hanno ancora vinto.

Ma se prendiamo i paesi ove si crede che se “tutti” dicono che Trump avrebbe incitato alla rivolta allora ci sono le basi legali per togliere il diritto di parola a quello che e' comunque un politico, Trump ha gia' vinto.

E forse e' proprio questo il motivo per il quale Twitter e Facebook, che nei paesi gia' trumpizzati fanno gli Opliti del Bene e chiudono gruppi e account, nei paesi non trumpizzati completamente sono ancora ... delle fogne naziste.

Prima li si trasformera' in fogne naziste, poi alla fine si chiuderanno gli account dei politici nazisti, e allora improvvisamente i social appariranno come i difensori della democrazia che hanno distrutto.

TI incendio la casa, poi vengo a salvare il gatto quando la casa e' ormai bruciata, ed ecco l'eroe che ti salvera' dal fuoco.

Volevo scrivere un altro post sulla scia di questo, ma mi sono reso conto che mostrare fotografie di un'altra fila di poveri inglesi, francesi, italiani o tedeschi avrebbe aggiunto poco. Cosi' ho deciso di fare qualcosa di meglio, cioe' di astrarre il problema in termini generici.

Qual'e' il motivo per il quale i poveri bianchi si radicalizzano sempre di piu' a prescindere dal governo (per esempio si sono radicalizzati durante il governo di Obama) mentre le minoranze si radicalizzano “a jo-jo”, ovvero durante i governi avversi? Esiste una regola ancora piu' generale?

Possiamo costruirla. Prendiamo per esempio quel proverbio confuciano per il quale se dai un pesce ad un uomo lo hai aiutato per un giorno, ma se gli spieghi come pescare lo hai aiutato per sempre.

Il senso morale di questo proverbio e' chiaro. Ma sappiamo che la politica e' una branca del pensiero estetico, non di quello morale. Allora, qual'e' il senso politico di questo proverbio?

Il senso e' praticamente quello opposto: se date ad un povero un pesce, state interagendo con lui come persona. Il pesce arriva ad una persona attraverso l'interazione con un'altra persona.

Il payback politico e' che lui dira':

  • “costui e' buono perche' mi ha dato un pesce”
  • “questo pesce me lo ha dato lui”.

Bene. Se invece gli insegnando a pescare, che succede? Succede che l'interazione col pesce non include l'insegnante. L'insegnante ha insegnato a pescare. Ma il pesce lo hai preso da solo. Qual'e' il payback politico? Semplice.

  • “costui predica di imparare a pescare, ma nel momento della fame non c'era.
  • “IO ho studiato forte per pescare e IO ho preso il pesce. Lui non c'entra”.

Questo e' il motivo per il quale la chiesa cattolica spende piu' in carita' che in istruzione dei poveri: la carita' rende molto di piu' in termini politici, anche se in termini morali renderebbe di piu' l'istruzione.

Esiste una chiara dicotomia tra “creare le condizioni stabili per uscire dalla fame” e “dare da mangiare”. Sebbene la cosa piu' meritevole sia la prima delle due, la seconda ha una rendita politica superiore.

Detto questo , prendiamo la classe politica occidentale.

Prendiamo pure il nuovo presidente Biden. E diciamo pure che intendano occuparsi SIA dei bianchi poveri che ho descritto nello scorso post sull'argomento – vedete le foto , sia del malessere dei neri. Quale sara' la logica del suo intervento?

  • per quanto riguarda i negri e le minoranze come LGBT ed altri, il governo cambiera' il modo in cui interagisce con loro. Assistenti sociali aiuteranno i ghetti piu' poveri, la polizia si spendera' in qualche interazione sociale meno tesa, nelle scuole saranno piu' inclusivi verso di loro. Una visibile interazione persona-a-persona tra loro e le persone che fanno lo stato.

  • per quanto riguarda i bianchi, la promessa sara' la seguente: l'economia migliorera' fino a quando i bianchi che oggi sono poveri non potranno finalmente trovare un lavoro e uscire cosi' dalle baracche.

Ammettiamo pure che entrambe funzionino al 100%. Qual'e' il payback politico?

  • i negri e le minoranze riconosceranno che il governo ha fatto valere i lor diritti e, anche se i piu' radicali obietteranno che gli fosse dovuto, in ogni caso riconosceranno che un governo sia migliore di un altro.

  • i bianchi che oggi sono poveri diranno. “Io ho trovato un lavoro, IO ho mosso il culo, IO ho lavorato duro, e adesso IO ho trovato una casa col riscaldamento. Che cosa ha fatto il governo per me? Sono sopravvissuto col MIO dolore e ne sono uscito con le MIE azioni. Il governo ha aiutato solo i negri e i froci!”.

In realta', una persona razionale dovrebbe obiettare che anche la crescita economica che ha consentito ai bianchi di uscire dalla miseria e' merito del governo, ma ci sono DUE differenze:

  • il governo ha interagito personalmente con le minoranze, o ha almeno cambiato il modo con cui gli uomini del governo (polizia, assistenti sociali, tribunali, etc) interagiscono con loro.

  • il governo NON ha interagito coi bianchi, ma si e' limitato ad interagire coi mercati, lasciando ai poveri di pelle bianca , il compito di percorrere gli ultimi 10 metri da soli.

Questo dara' ai bianchi la sensazione di essersi salvati da soli, mentre dara' alle minoranze la sensazione di poter vivere solo quando al governo c'e' la sinistra.

Questo e' importante per capire la radicalizzazione. Il bianco povero dei monti appalachi , di cui ho parlato nel precedente post, assisteva al proprio genocidio: in una casa di lamiera, al prossimo inverno non era certo di sopravvivere, ne' che il bambino sarebbe sopravvissuto. Non aveva bisogno di Qanon per credere al white genocide, perche' stava assistendo al proprio.

Ad un certo punto, cercando un lavoro, ne trova uno. Si mette a sgobbare, e riesce ad avere una casa riscaldata. Che cosa vede? Che e' sfuggito al proprio genocidio perche' ha cercato un lavoro. Che e' sfuggito al genocidio perche' ha lavorato duro e risparmiato. Che ce l'ha fatta perche' ha mosso il culo. Non ha mai visto un uomo del governo, un assistente sociale o il sindaco: quelli sono per i negri e le minoranze.

Se anche l'economia americana esplodesse e quei bianchi trovassero tutti un lavoro, non si de-radicalizzerebbero. Non avendo mai interagito personalmente col governo, non vedono i suoi meriti. Non vedono l'uomo che gli ha dato il pesce. Vedono che hanno pescato un pesce, ma chi abbia creato le condizioni per pescarne uno, non lo vedono.

se quei bianchi poveri usciranno mai dalla loro condizione di poveri per via di un boom economico, la prima cosa che compreranno sara' un fucile semiautomatico. Si sentiranno sopravvissuti, scampati al genocidio dei bianchi solo grazie alla loro prontezza nel cogliere una chance lavorativa. E avranno paura che il babau della fame torni. I cattivi che volevano il genocidio sono ancora li'.

Questo errore viene fatto da tutti i governi occidentali. IN tutta Europa, quando sono arrivati i migranti, il governo si e' attivato per “dar loro un pesce”. Si sono attivati i servizi sociali e le associazioni. Per i cittadini bianchi, invece, la politica consiste sempre e comunque nel dire “ci vuole piu' crescita', cosi' che trovino un lavoro”.

Esiste quindi un doppio binario:

  • al cittadino del posto, il nativo bianco, si riconosce sempre e comunque, se non nell'atto almeno in potenza, la capacita' scontata di sopravvivere sino a cogliere le opportunita' di propria sponte, senza aiuto personalizzato, senza intervento dello stato.

  • alla minoranza (negri, LGBTQ.* , etc) , si riconosce il bisogno di essere ascoltati, guidati, sostenuti materialmente e immediatamente.

Il bianco nativo e' sempre considerato abile e quindi privilegiato, anche quando evidentemente vive in condizioni tremende, e se non ce la fa gli si dice che “non ha scuse” (come se nessun bianco nativo possa fallire), mentre alle minoranze (anche quando DAVVERO privilegiate) si dice che bisogna agire personalmente e direttamente.

Anche supponendo che l'operazione riesca e si risolvano i problemi di entrambi, cosa succedera'?

  • I nativi bianchi rimarranno RADICALIZZATI a destra perche' pensano di essere scampati al genocidio grazie alla loro superiore attitudine di farcela senza aiuto, se non controvento perche' il governo usava le loro tasse per aiutare altri.

  • Le minoranze si convinceranno che possono vivere solo con un governo che sia dalla loro parte. Prenderanno la politica come necessita' vitale, e si RADICALIZZERANNO perche' dal colore del prossimo governo dipende la loro sopravvivenza.

Ad ogni ciclo di questa politica che paradossalmente passa per “ di sinistra”, si ottiene una sempre maggiore polarizzazione ed una sempre maggiore radicalizzazione. Ma alla fine vincono gli estremisti bianchi. Per una ragione molto semplice: questa situazione l'avete ottenuta lavorando sistematicamente nel modo sbagliato. Avete dato il pesce alle minoranze che vedevate bisognose di intervento diretto e immediato, mentre avete costretto la maggioranza ad imparare a pescare, dopo aver riempito il fiume di pesci.

Sul lungo termine, ovviamente vincera' sempre chi ha imparato a pescare.

E si ricomincia daccapo.

Si potrebbe uscire da questo ciclo agendo diversamente:

  • se date un pesce ad una minoranza, lo date anche a chi e' in difficolta' ma non appartiene alla minoranza. Se esiste uno sportello pubblico che ascolta i negri, ne deve esistere uno che ascolta i bianchi. Se esiste un safe space per i gay, deve esisterne uno per gli etero. Se aiutate le donne divorziate, aiutate anche gli uomini divorziati. L'interazione deve essere identica. Carezze per tutti, o niente.

  • sia le minoranze che gli altri devono avere lo stesso dovere di far da soli l'ultimo miglio che li separa dall'emancipazione. Se si deve imparare a pescare e poi andare a pescare da soli, allora deve valere per tutti, nelle stesse condizioni iniziali e con lo stesso impegno personale di tutti. O gli uccellini escono tutti dal nido, o non ne esce nessuno.

Questo pero' non viene fatto. Si sta lavorando al contrario, dando il pesce alle minoranze e aspettandosi che i locali imparino a pescare, con il solo dovere di riempire il fiume di pesci.

Allora si costruiscono welfare che aiutano le minoranze mediante un'interazione personale , ma lasciano ai nativi “normali” il dovere di cogliere le opportunita'.

Col risultato di una sempre maggiore radicalizzazione di entrambe le parti.

Solo che le persone che hanno imparato a pescare hanno piu' soldi per comprare un fucile d'assalto, non appena avranno davvero colto una di queste famose “opportunita' “.

Ed ecco qui il motivo per cui presto parleremo di un problema Francia, di un enorme (e amplificato dal #brexit) problema UK, ed entro 4-8 anni di un regime fascista negli USA.