La parola proibita.

Dopo lo scorso articolo mi e' stato chiesto in che modo, se non quello, andrebbe narrato l'omicidio fascista di Willy. Il modo esiste, e inizia con la parola che nessun giornalista italiano ha il coraggio di pronunciare.

cocaina.

Perche' la morte di Willy non e' una storia di violenza, fascismo, razzismo e arti marziali. La morte di Willi e' una morte legata all' UNICA parola di cui NON si e' mai sentito parlare come fattore centrale del fatto. Se osservate le “soluzioni” proposte da intellettuali ed esperti, troverete sempre “la cultura della violenza”, “le arti marziali (e Dio sa quanto ho sul culo l' MMA, e ora mi trovo a difenderla)” , “il fascismo che torna”, “il vuoto dei giovani”, “la scuola”. Ma nessuno ha mai detto che, se fermassimo il fiume di cocaina, le “movidas” diventerebbero dei posti MOLTO piu' sicuri. Perche' si vuole dire che e' una storia di violenza, di fascismo, di ignoranza e di quant'altro, ma non la si racconta mai per cio' che e'.

E' una storia di cocaina.

A volerla dire tutta, non se ne sente parlare quanto se ne dovrebbe. Sappiamo che se ne consuma cosi' tanta da inquinare i fiumi e causare problemi ai pesci , il che significa MOLTA, ma se ne parla pochissimo. Sembra essere un problema piccolo, un traffico secondario.

Persino dove ci dovremmo aspettare di trovarla, scopriamo che non se ne parla. Per esempio, voi vi aspettereste che ad una festa-orgia di vecchiardi ,e se state pensando “Berlusconi” avete ragione, ne dovremmo trovare a quintali. Avete sentito parlare di fascicoli aperti per spaccio di cocaina su vasta scala, oltre che ai fascicoli per la prostituzione? No. Era poca roba. Perche' anche la magistratura dei magistrati eroi ha qualche problemino con la cocaina. Ne consumano a quintali. Tutti funzionari “alti” dello stato italiano, quelli dal buon reddito, finiscono col partecipare a feste e convegni dove la cocaina scorre a fiumi. E negli ambienti degli “intellettuali” c'e' piu' cocaina che neve sul Monte Bianco.

Non possono andare contro gli stessi trafficanti che portano la cocaina che finiranno col consumare. E sarebbero tutti ricattabili.

E nemmeno sulle forze dell'ordine potete contare. Vi chiedete come siano cosi' violenti giorno dopo giorno? No, il fascismo non c'entra, se non come conseguenza e parasole. E' ancora la cocaina: gli uomini delle forze dell'ordine ne sono consumatori assidui. TUTTI, senza nessuna eccezione. Nonostante ne scorra a fiumi in Italia, i ritrovamenti sono pochi, sporadici, e poco pubblicizzati. E non e' un caso: la cocaina viaggia per lunghe distanze sulle auto della stradale, gli spacciatori hanno la protezione o il tacito assenso delle forze dell'ordine. Poi (sempre mentre lo stato si volta dall'altra parte o partecipa all'organizzazione) la coca passa per le prostitute, che ne hanno sempre qualche pacchetto in casa, o attraverso diversi “cavallini”, (di solito taxisti, ma anche negozi di “pizza da asporto” ed altri) ,e arriva ovunque.

La cocaina e' la droga dei piani alti, ma in qualita' tremende e' la droga della movida. Ogni “movida” e' solo un gigantesco mercato a cielo aperto di cocaina. Pensate che i lampioni del posto ove e' morto Willy fossero rotti per caso? No, sono gli spacciatori che li rompono per fuggire alle telecamere. Willy e' morto in un luogo di spaccio. Ma non si dice, perche' sarebbe imbarazzante prima di tutto per i politici, a partire da quelli locali.

Non c'e' politico che passerebbe un test del capello contro la cocaina. Non c'e' un alto funzionario, dirigente dello stato che non suderebbe freddo all'idea di rendere obbligatorio un test contro la cocaina.

Lo stato “alto” ne e' succube IN OGNI SUA PARTE, non e' possibile fare politica senza il consenso del business della cocaina e dei suoi affaristi. Non esistono partiti politici che non siano parte del traffico. Tutto, o quasi, cio' che concerne lo stato e la politica ruotano attorno a questo traffico.

E siccome e' la droga dei potenti, ovviamente cattura anche la stampa, perlomeno quella grande. Per questa ragione, nonostante sia ovunque, la stampa continua con inutili pistolotti contro le “droghe sintetiche”, o contro la marijuana.

La parola Cocaina e' la parola piu' difficile da pronunciare per chiunque sia legato a qualche mafia, parrocchia, massoneria o partito politico. E quindi anche per i giornalisti, che minimizzano, al punto da nascondere cio' che sanno tutti: in quel luogo i lampioni non erano rotti perche' i ragazzi facevano le risse, erano rotti perche' si vendeva la droga. (peraltro la scusa dell'apprezzamento alla ragazza per la rissa per motivi di droga ha scassato la minchia, e' come la resistenza a pubblico ufficiale quando uno viene pestato senza motivo: ma trovare qualcosa di nuovo no, eh?)

Ed e' per questo, nonostante se ne consumino quantita' immense, al punto che i fiumi ne sono inquinati, non la sentirete nominare se non di striscio. Il suo business e' cosi' pervasivo che nessun apparato dello stato , e nessuna parte della borghesia italiana , giornali e giornalisti compresi, possono disturbare lo show.

Possiamo riassumere l'atteggiamento dello stato riguardo alla cocaina cosi':

cocaina

Ed e' per questo che la cocaina, nonostante sia il business piu' redditizio in assoluto per i trafficanti, al punto che possono costruire flotte di sommergibili onde portarla in giro per l'oceano, viene nominata cosi' poco. Perche' volendola combattere, non potreste farlo con giudici cocainomani (e quindi ricattabili dal business stesso) , non potreste farlo con forze dell'ordine che ne fanno uso e abuso continuo, e nemmeno con forze armate nelle quali circola indisturbata, specialmente ai piani alti. Non potreste farlo avendo tutta la borghesia “perbene” contro, giornalisti compresi.

E' un business che ha in mano l'intera Italia, che ne e' il principale porto d'approdo per tutta Europa, dove poi viene smerciata. Ogni politico, funzionario pubblico da un certo reddito in su, ogni borghesotto da un certo reddito in su, e' schiavo e ricattabile dal business della cocaina.

Ma cosa c'entra con Willy? C'entra perche' la cosiddetta “movida” alla quale Willy partecipava (come ormai tutti i giovani) non e' altro che un mercato a cielo aperto di cocaina. Lo sanno tutti, ma come succede in Italia quando tutti bagnano il biscottino, tutti fingono di non saperlo.

Perche' i fratelli Bianchi si sono comportati da bestie? Cocaina. Perche' spadroneggiavano nei locali della movida? Cocaina. Nessun locale della movida puo' opporsi quando gli viene chiesto di fornire un posto sicuro per un sacchettino. Tutti lo fanno. Tutti, nessuno escluso. Perche' la polizia non ha arrestato prima i Bianchi? Cocaina. Perche' non c'era polizia in giro? Cocaina.

La risposta a tutti i misteri e a tutte le domande sulla morte di Willy, come di altri ragazzi morti alla “movida”, sempre per liti dovute a futili motivi, e' sempre in questa parola.

Cocaina.

Erano strafatti di coca i Bianchi e i loro amici. Erano strafatti di coca tutti quelli che hanno iniziato la lite per futili motivi. Perche' ( in passato lavorai come buttafuori nelle disco per pagare le spese dell'universita' ) quando hai una massa di persone fatte di coca la lite salta fuori per niente: spintoni che nemmeno esistono, “cazzoguardicazzovuoi”, e tutto quanto. E' la firma della cocaina. Ma tutti fingono che sia un attore marginale di quanto successo.

E quanto grave sia il problema ve lo dice l' ASSENZA di questa parola dall'inchiesta, l' ASSENZA di questa parola nelle parole delle elite consumatrici che scrivono opinioni sull'omicidio di Willy.

Ed e' cosi' che va narrata la storia di Willy. Partendo dalla cocaina.

“Una notte, in un grande mercato a cielo aperto di cocaina, in una massa di ragazzi strafatti dalla cocaina, parte una rissa di quelle che nascono per nulla quando tutti sono consumatori di cocaina. La polizia non presenzia il posto perche' abitualmente si gira dall'altra parte quando si parla di cocaina. I perdenti della rissa, che essendo strafatti di cocaina non accettano di perdere, chiamano altri ragazzi strafatti di cocaina, piu' forti, che si comportano come si comportano quelli strafatti dalla cocaina: con una violenza iperconvulsiva.”

Ma la storia continua:

“nonostante tutti sappiano che ogni movida del paese e' uno spaccio a cielo aperto di cocaina, i magistrati non ordinano alcun test antidroga per i Bianchi, nessuno sui testimoni, nessuna perquisizione nei locali della zona, tantomeno vengono fatte ricerche per capire se quel luogo “buio” perche' i lampioni erano sabotati non fosse per caso un luogo di spaccio. (Lo era. Lampioni rotti = spaccio). La parola cocaina non la nomina nessuno se non come fattore marginale, e nemmeno si azzarda una spiegazione sul perche' i lampioni fossero guasti. Il magistrato non si pone la domanda, la polizia si concentra su altro, e nessuno vuole dire che l'omicidio e' avvenuto nell'ennesima piazzetta della droga ove gli spacciatori rompono i lampioni per non farsi riprendere”

Ed e' incredibile come la storia si dipani senza che la cocaina venga nominata , o nominata solo come fattore marginale, che riguarda i Bianchi e poco piu'.

Avviene un omicidio dentro una piazzetta dello spaccio di cocaina, ma NON parte una grande operazione antidroga contro lo spaccio di cocaina. No. L'unico raid delle forze dell'ordine va a controllare se la palestra di MMA ha i permessi in ordine. E' normale?

“La cocaina sembra invisibile agli occhi degli uomini dello stato, e anche agli occhi della stampa di stato, che pratica gli stessi vizi. E cosi' si nomina al massimo, sottovoce, il fatto che i Bianchi ne fossero consumatori in passato , ma sembra sfuggire il fatto che quell'angolo buio fosse un mercato di spacciatori di cocaina, che ogni movida del paese sia ormai un mercato a cielo aperto di cocaina, che tutti o quasi i coinvolti ne avessero consumato, che i negozianti del posto sicuramente ne sanno qualcosa e ospitano dei sacchettini, e che la rissa sia scoppiata con la classica dinamica della cocaina”

Di cocaina in Italia non si deve parlare, non in televisione ove se ne fa un uso smodato tra i VIP, non sui giornali che appartengono a una di quelle parrocchie “perbene” , nelle cui feste la coca gira a fiumi. Non se ne deve parlare alle forze dell'ordine , che fingerebbero piuttosto di non sentire, perche' ne fanno un uso smodato ,e diventano piu' violente per questo: questo pestaggio porta la chiara firma della cocaina, il “cazzoguardiiotammazzononseinessuno”.

Non ne sentirete parlare dai politici se non come il problema di qualcun altro, nonostante l'uso smodato che ne fanno TUTTI i vipz di Roma, senza alcuna esclusione, compresi i politici che dicono di non essere affetti. Provate a proporre l'esame antidroga obbligatorio per tutti i parlamentari e sentirete gridare “ma la praivazi!!!”. E anche i magistrati, appartenendo alla boghesia statale ricca, o alla massoneria, o entrambe, fanno finta di non averla vista, e non la cercano nemmeno. Per questo nelle feste di Silvio le troie hanno fatto piu' scalpore della coca.

Ecco, la maniera giusta per narrare la storia di questo morto della Movida e' quello che richiede di sollevare il piu' gigantesco problema di droga e criminalita' mai visto: il problema della Cocaina.

Persino quando ne avrebbero la possibilita', pubblicano lettere dove si, ci sono quattro pilastri della Movida ma non si approfondisce mai quello della cocaina. Ordine di scuderia: glissare sulla cocaina.

La storia di Willy e' una storia di Cocaina.

Ma e' proprio la parola che nessuno mettera' MAI al centro della discussione. Se anche verra' nominata, lo sara' di striscio. Fattore marginale. Magari i Bianchi e i loro amici ne facevano uso.

Ma non si nominera' mai la cocaina come il motore immobile attorno al quale tutta la vicenda, e tante vicende simili, si svolgono e si sono svolte.